Mostre » Melbourne a Milano, le espressioni della cultura australiana contemporanea

Melbourne a Milano, le espressioni della cultura australiana contemporanea

a cura di Redazione, il 30/01/2007

"Too Near Too Far", questo il titolo della mostra ospitata a partire dal 3 febbraio negli spazi di C/O careof, istituzione non profit fondata nel 1987 a Milano per la promozione dell’arte contemporanea, che ha una particolare attenzione alle pratiche delle generazioni emergenti. L’esposizione, che presenta i lavori di due giovani artisti australiani Alicia Frankovich e Simon Horsburgh, è uno degli appuntamenti della manifestazione Melbourne a Milano. Presentata dalla Città di Melbourne, Melbourne a Milano è un programma di eventi che, in occasione della celebrazione del gemellaggio fra le 2 città, presenta al pubblico milanese le più interessanti espressioni della cultura australiana contemporanea.
Creando un dialogo con alcune delle realtà più attive australiane, il progetto innesca una serie di riflessioni sull’idea di comunità artistica e sulle diverse metodologie di organizzazione culturale non profit. In questo senso Melbourne rappresenta un interessante case-history, con oltre venti “artist-run spaces” – spazi ideati, fondati e gestiti direttamente da artisti – e l’alto numero di realtà private non profit ma fortemente sostenute dalle istituzioni pubbliche.
Too Near Too Far è parte di un progetto di scambio culturale iniziato nel 2005 dalla Monash University of Art, Melbourne e dalla curatrice indipendente Natalie King. Sviluppatosi tra Melbourne, Sydney e Milano, il progetto include la mostra “FRAME. A selection of Italian artists” a cura di Chiara Agnello e Roberta Tenconi (curatori anche di questo evento) presso Gertrude Contemporary Art Spaces di Melbourne (dove attualmente Alicia e Simon sono artisti in residenza), conclusa con successo lo scorso settembre.
Arrichisce la mostra un’ampia sezione documentativa sull’attività degli spazi non profit, con cataloghi, pubblicazioni e numerose riviste d’arte australiane. Fra i progetti speciali, viene inoltre presentato a careof il lavoro di altri sedici artisti; presso Le Case D’arte Vetrina (Via Gorani 8, Milano) è visibile il video Summer Blend di David Rosetzky, artista e fondatore dello storico spazio First Floor a Melbourne.
Con Too Near Too Far, fanno parte della manifestazione Melbourne a Milano le mostre: Dolls di Destiny Deacon, Galleria Raffaella Cortese (inaugurazione 1 febbraio 2007) e Schifanoia: A Constructed World a cura di Ilaria Bonacossa, N.O. Gallery (inaugurazione 1 febbraio 2007).
Il progetto è sostenuto da Comune di Milano – Relazioni Internazionali, ACACIA Associazione Amici Arte Contemporanea, Gertrude Contemporary Art Spaces, C/O careof e Le Case D’Arte Vetrina.

Scheda tecnica

“Too Near Too Far. An Introduction to the Australian Independent Art Scene”
dal 3 febbraio al 17 marzo 2007
Inaugurazione: venerdì 2 febbraio, ore 18.30

Curatori:
Chiara Agnello, Roberta Tenconi

C/O careof
Milano, Via Luigi Nono 7

Orario di apertura:
mar-sab, ore 15-19

Info:
Tel. (+39) 02 3315800
careof@careof.org
m.m.m.project@gmail.com
careof

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader