Mostre » Antonio Recalcati, dalla Nuova Figurazione ai più recenti percorsi artistici

Antonio Recalcati, dalla Nuova Figurazione ai più recenti percorsi artistici

a cura di Redazione, il 04/02/2007

Il Premio Presidente della Repubblica per la pittura nell’anno 2006, l’artista milanese Antonio Recalcati, sarà ospite a partire dal 6 febbraio dell’Accademia Nazionale di San Luca di Roma con una mostra che propone nel suo percorso espositivo un’importante selezione costituita da circa 40 dipinti realizzati a partire dagli anni Sessanta, che sanciscono l’inizio della “Nuova Figurazione”, e si snoda attraverso cinque periodi della carriera dell’artista che comprendono anche la più recente produzione. L’esposizione è accompagnata da un catalogo a cura di Beatrice Buscaroli, edito da De Luca Editori, che presenta testi di Leonardo Cremonini e Beatrice Buscaroli. Dalle “Impronte”, nucleo di opere eseguite appunto a partire dal 1960, si passa ai lavori realizzati nella seconda metà degli anni Sessanta che rientrano nella categoria della “Pittura Narrativa” e riguardano anche i dipinti realizzati a New York, tra cui After Storm e I marciapiedi di N.Y. City, suggestivo riflesso della città in una pozzanghera.
I dipinti della fine degli anni Novanta sanciscono una svolta nella produzione dell’artista: si tratta infatti di una serie di lavori dal carattere molto intimo, legati alla riflessione sul tema della morte.
Il periodo più recente della produzione di Antonio Recalcati è rappresentato da opere quali Impronte ritrovate nelle quali l’artista riprende il tema iniziale dell’impronta, restituendolo con una cifra stilistica rinnovata e rivolgendosi al passato quasi per chiudere l’anello di una decennale attività artistica.
Milanese di nascita, Antonio Recalcati è stato da sempre molto apprezzato da scrittori e pittori contemporanei – da Jacques Prévert ad Alberto Moravia e Dino Buzzati, dal critico Gérald Gassiot-Talbot ad Alain Jouffroy a Giorgio Kaisserlian. Nel 1963 si trasferisce a Parigi e con Arroyo ed Aillaud praticò una svolta nella storia dell’arte con una serie di quadri dipinti collettivamente: Une passion dans le désert e Vivre ou laisser mourir che il critico Gassiot-Talbot ha definito “Figuration narrative”. Negli anni Settanta espone in Italia a Firenze, Roma, Venezia, e inoltre a Parigi, Caracas, New York. Crede tenacemente nella pittura come unico mezzo per conquistare la propria libertà. Alla pittura, che prosegue negli anni Ottanta e Novanta, viene affiancata una produzione di sculture e ceramiche, con esposizioni in prestigiose gallerie in Italia e all’estero, a partire dal suo ritorno in Europa dopo un soggiorno newyorkese di alcuni anni.
 
 

Scheda tecnica



Antonio Recalcati.
dal 6 febbraio al 5 marzo 2007
Inaugurazione: lunedì 5 febbraio, ore 18

Accademia Nazionale di San Luca
Roma, Piazza dell’Accademia di San Luca 77

Orario di apertura:
Tutti i giorni, ore 10-19; sab, ore 10-13; dom chiuso.

Biglietti:
Ingresso libero

Catalogo:
De Luca Editori. A cura di Beatrice Buscaroli, presenta testi di Leonardo Cremonini e Beatrice Buscaroli.

Info:
Tel. (+39) 06 6790324 – Fax (+39) 06 6789243
segreteria@accademiasanluca.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader