Eventi » Lucy + Jorge Orta. ANTARCTICA

Antarctica. Photo Credit: Lucy&JorgeOrta-HangarBicocca ThierryBalPhotography

Lucy + Jorge Orta. ANTARCTICA

Fino all’8 giugno l’Hangar Bicocca di Milano ospita in uno spettacolare allestimento le più importanti installazioni legate a istanze umanitarie e di emergenza del celebre duo anglo-argentino

a cura di Redazione, il 22/04/2008

Nella primavera del 2007 Lucy + Jorge Orta hanno intrapreso una spedizione in Antartide per partecipare ad un progetto di interventi artistici nella zona. Un viaggio reale e simbolico ai confini del mondo, dove le condizioni ambientali e di vita sono estreme, al limite della sopravvivenza.

In mostra oltre ai lavori riferiti al progetto in Antartide, anche opere realizzate negli ultimi cinque anni

La mostra Antarctica, allestita all’Hangar Bicocca e curata da Bartolomeo Pietromarchi, espone per la prima volta in modo organico e completo le opere e la documentazione realizzati in Antartide. La mostra costituisce anche l’occasione per presentare alcune importanti opere realizzate da Lucy + Jorge Orta nel corso degli ultimi cinque anni sulle tematiche delle emergenze sociali, ambientali e umanitarie contemporanee: mobilità, diaspora, emergenza climatica e ambientale, diritti umani.

Antarctica. Photo Credit: Lucy&JorgeOrta-HangarBicocca ThierryBalPhotography

L’installazione “Anctartic Village- No Borders” commissionata dalla Primera Biennal al Fin del Mundo

L’installazione Anctartic Village- No Borders è stata originariamente commissionata agli artisti in occasione della Primera Biennal al Fin del Mundo, tenuta ad Ushuaia City, Terra del Fuoco, nell’aprile 2007. Il tema di questa edizione della Biennale era Pensare, alla fine del mondo un altro mondo è possibile e per i due artisti Antarctica rappresenta proprio questo: un continente libero dai conflitti e dallo sfruttamento commerciale, vincolato da un trattato di pace internazionale.

Il significato e i simboli di Antarctic Village - No Borders

Lucy + Jorge Orta presentano negli spazi dell’Hangar Bicocca le 25 tende che costituivano Antarctic Village - No Borders installate in Antartide da febbraio a marzo 2007 così come i Paracadute a goccia, gli Equipaggiamenti da sopravvivenza e il video della loro spedizione. Antarctic Village - No Borders è un simbolo della condizione di coloro che tentano in ogni modo di varcare un confine per rifuggire dai conflitti politici e sociali del proprio Paese. Le tende formano un accampamento che ricorda le immagini dei campi di rifugiati. Strutturalmente le tende sono emblematiche della ricerca degli Orta sull’architettura termica modulare con le caratteristiche dei rifugi nomadi.

Le dimore stesse, realizzate usando le bandiere dei Paesi di tutto il mondo con protesi di vestiti e guanti, simboleggiano la diversità e molteplicità dei popoli. Le membrane sono stampate a mano su supporti in seta, decorati a loro volta con testi che si riferiscono a un emendamento della Dichiarazione dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, creato dagli artisti - Articolo 13:3 che evoca un possibile nuovo Villaggio Globale. Preservato da attività militari e tutelato come ecosistema, l’Antartide possiede il 70% delle riserve d’acqua dolce del pianeta. Antarctic Village diviene così l’emblema di un futuro in cui la vera globalizzazione sarà la redistribuzione delle risorse insieme al diritto di esistere di tutti i popoli della Terra.

Oltre alle installazioni, anche lavori come Orta Water e Nomad Hotel

Antarctica. Photo Credit: Lucy&JorgeOrta-HangarBicocca ThierryBalPhotography

La mostra è concepita come un percorso che si snoda negli ampi spazi dell’Hangar Bicocca tra nuove installazioni e una selezione dei primi lavori: oltre ad Antarctic Village - No Borders, sono esposte varie installazioni come Orta Water, sul progetto del riciclo e riuso dell’acqua, Urban Life Guard, una serie di figure di sopravvissuti realizzate dagli artisti per le loro performance urbane, Nomad Hotel, un grande camion militare riconvertito con micro strutture abitative, e M.I.U. (Unità di intervento mobile), una ambulanza della Croce Rossa trasformata al cui interno sarà distribuito ai visitatori l’International Antarctic Passport, un passaporto reale, creato dagli artisti come simbolo della libera circolazione tra i popoli, per l’abolizione di tutte le frontiere, reali ed immaginarie, ostacolo all’integrazione e allo scambio culturale tra i popoli.

In occasione della mostra prodotte due nuove opere

Inoltre in occasione della mostra saranno prodotte due nuove principali opere: una OrtaWater - Unità di Intervento Fluviale e Life Line, una grande installazione a parete di poetici giubbotti salvagente.

Il catalogo edito da Electa

La pubblicazione edita da Electa e realizzata per questa occasione, prende spunto da uno degli ultimi progetti realizzati in Antartide per raccontare la genesi delle loro produzioni più famose. Il volume sotto forma di un cahier de voyage ricco di fotografie, schizzi e disegni, narra il reportage della spedizione in Antartide, e testimonia la ricchezza delle riflessioni affrontate dagli Orta nelle loro opere.

Scheda Tecnica

  • Lucy + Jorge Orta. "ANTARCTICA"
    fino all’8 giugno 2008
  • Curatore:
    Bartolomeo Pietromarchi
  • Hangar Bicocca
    Milano, via Chiese (traversa viale Sarca)
  • Orario di apertura:
    mar-dom, ore 11-19; gio, ore 14.30-22; lun chiuso
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Cataloto:
    Electa
  • Info:
    Tel. (+39) 02 853531764 – Fax (+39) 02 85354364
    info@hangarbicocca.it
    Hangar Bicocca
  • Mostra realizzata in collaborazione con “The Family” e Galleria Continua, San Gimignano – Beijing

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 22/04/2008

SPECIAL / Lucy + Jorge Orta

Lucy + Jorge Orta lavorano insieme dal 1991, anno in cui fondano lo Studio Orta. Questo si trova dal 2002 in un luogo particolare, un ex-caseifico industriale attivo sino al 1970 - The Dairy o La Laiterie - nel villaggio di Saint Siméon, sulle sponde del fiume Grand Morin, a cinquanta chilomet...