Special » SPECIAL / Genio Fiorentino: Lucio Dalla canta Benvenuto Cellini

Lucio Dalla, protagonista del "Genio Fiorentino" 2008: aprirà la manifestazione con un concerto cameristico dedicato a Benvenuto Cellini

SPECIAL / Genio Fiorentino: Lucio Dalla canta Benvenuto Cellini

Scegliendo tra più di 100 eventi in programma, uno sguardo sui principali appuntamenti che la manifestazione dedicherà quest’anno alle arti visive

a cura di Redazione, il 12/05/2008

La quarta edizione del Genio Fiorentino si apre con un omaggio inedito di Lucio Dalla a Benvenuto Cellini, grande scultore e orafo fiorentino. Il sipario della manifestazione organizzata dalla Provincia (che si terrà dal 15 al 25 maggio) si alza infatti giovedì 15 alla chiesa di Santo Stefano al Ponte Vecchio (ore 21, posto unico 21 euro), con l’appuntamento “Lucio Dalla canta Benvenuto Cellini”, un concerto cameristico con letture e musiche studiate ad hoc dal cantautore bolognese.

Il cantautore racconta il grande scultore e scrittore che fu anche valente musicista

Un Dalla straordinario che ripercorre con passione la vita e le opere del celebre genio dell’oreficeria fiorentina. La serata del 15 maggio sarà preceduta da un’anteprima – martedì 13 maggio, ore 21 – sul Ponte Vecchio, durante la quale il cantautore bolognese giocherà con le tante commistioni artistiche di Cellini, che oltre ad essere scultore e scrittore, era anche un valente musicista. Lucio Dalla darà vita ad uno spettacolo anche informativo, in cui racconterà, musicandoli, gli episodi più curiosi della vita dell’autore del Perseo.

“Leonardo e Raffaello, per esempio… Disegni e Studi d’Artista”

Giampaolo Talani, autore del celebre affresco della stazione di S. M. Novella, realizzerà dal vivo un'altra opera con l'antica tecnica pittorica in occasione del Genio Fiorentino

La kermesse fiorentina renderà omaggio quest’anno ai grandi della pittura, dell’architettura e della scultura, con la mostra “Leonardo e Raffaello, per esempio… Disegni e Studi d’Artista”. Dal 25 maggio fino al 31 agosto l’esposizione a Palazzo Medici Riccardi presenterà i disegni dei due geni del passato attraverso i quali è possibile indagare il percorso creativo dei grandi maestri. La mostra ospiterà anche disegni e cartoni di artisti come Leonardo, Raffaello, Botticelli, Perugino, Bronzino, e ancora Ludovico Carracci, Guido Reni e Federico Barocci.

“Talani, l’affresco e il genio”

Sabato 24 maggio Palazzo Medici accoglierà un evento dal titolo “Talani, l’affresco e il genio”, per far rivivere una tecnica antica come l’affresco attraverso la guida di un grande maestro come Giampaolo Talani, autore dell'ormai celebre "Partenze" della stazione di S. M. Novella e reduce dal successo della mostra antologica "Rosa dei Venti". Dalle 15 alle 19, Talani e i suoi collaboratori della “Bottega del Bon Fresco” eseguiranno dal vivo, nel cortile di Michelozzo, una pittura “a fresco” dal titolo “Il Genio Fiorentino”, che sarà poi donata alla Provincia di Firenze. Un’opera di dimensioni 120x100cm; un affresco figurativo rispecchierà la filosofia che anima la kermesse organizzata dalla Provincia di Firenze.

L’Esercito di terracotta di Giuliano Ghelli, ispirato a quello di X’ian

Il Genio Fiorentino 2008 sarà anche l’occasione per presentare (inizio il 15 maggio) nel Cortile dei Muli di Palazzo Medici Riccardi, un “Esercito di terracotta”, ispirato all’esercito di X’ian scoperto in Cina alcuni anni fa. Un esercito pacifico che nasce dalla fantasia di Giuliano Ghelli, artista fiorentino di fama internazionale e, come lo definisce la critica, “Uno dei più grandi sognatori della pittura italiana”. In questa occasione l’installazione è composta da 50 busti femminili, esemplari unici di terracotta di Impruneta che riportano in altorilievo segni e simboli, a volte lettere o frasi poetiche, tratte dalla letteratura e dal mondo fantastico di Ghelli ed evocano manichini da sartoria.

A San Casciano inaugurate due sculture di Mauro Staccioli

Giuliano Ghelli con il suo “Esercito di terracotta”, ispirato all’esercito di X’ian scoperto in Cina alcuni anni fa

In occasione del Genio Fiorentino, Mauro Staccioli, nato a Volterra, noto su scala mondiale, rafforza il proprio rapporto con il territorio di San Casciano e lo segna con un legame a doppio filo, infondendovi un rinnovato respiro artistico basato sull’armonia tra terra e manualità. Il Genio, infatti, sarà l’occasione di una duplice inaugurazione, prevista quasi in contemporanea nella giornata di sabato 24 maggio 2008 quando, a partire dalle ore 16, l’amministrazione comunale di San Casciano presenterà alla cittadinanza due opere firmate dallo scultore che trova ispirazione creativa nel contatto diretto con i luoghi in cui nascono e vivono le sue opere. In due diverse aree del territorio di San Casciano, l’una urbana e l’altra rurale, le sculture di Staccioli si preparano a lasciare il segno e ad essere mostrate in tutta la loro potenza evocativa.

“Nano Campeggi: i bozzetti del Genio”

Infine, il Genio Fiorentino 2008 vuol rendere omaggio a un grande artista del disegno cinematografico con “Nano Campeggi: i bozzetti del Genio”. L’artista, vera istituzione dell’immagine pubblicitaria che ha fatto sognare l’Italia del dopoguerra attraverso i manifesti dei grandi film americani come "Casablanca", "Cantando sotto la pioggia", "Ben Hur" e "Via col vento", ha preparato in occasione della kermesse organizzata dalla Provincia di Firenze dieci gigantografie ispirato dal tema del “Genio Fiorentino”. Le sue realizzazioni saranno esposte tutti i giorni della manifestazione – alle 13 – sulla facciata esterna di Palazzo Medici Riccardi.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 12/05/2008

GENIO FIORENTINO 2008

«Le idee non fanno paura a chi ne ha». Si identifica con queste parole di Vasco Pratolini il motto della quarta edizione del Genio Fiorentino, contenitore culturale di arte, cultura e cittadinanza ideata e organizzata dalla Provincia di Firenze. L’edizione 2008, condensata nei giorni tra il 15...