Mostre » Carlo Levi, Pitture del confino e ritratti

Carlo Levi, Pitture del confino e ritratti

a cura di Redazione, il 04/06/2006

“Carlo Levi, Pitture del confino e ritratti’’ è il tema della mostra dedicata al grande pittore-scrittore piemontese, in programma fino al 30 luglio a Fiano Romano. L’esposizione comprende quindici pitture degli anni ‘30 (il periodo in cui Levi fu mandato al confino dal Fascismo), dieci ritratti eseguiti dal 1941 al 1979 e due opere degli anni Cinquanta, dedicate al sociologo Danilo Dolci e al poeta Rocco Scotellaro (nell’immagine).

Tutte le opere provengono dalla Fondazione Carlo Levi di Roma. Sede della mostra è lo “Studio-Museo, Raccolta Ettore de Conciliis”, il primo spazio dedicato all’arte moderna e contemporanea nella zona di Roma nord.

Le opere di Levi in mostra si dimostrano ancora attuali anche se mostrano i modi dell’arte dell’epoca. Si vede in esse la lezione di Felice Casorati del Gruppo dei Sei di Torino e la cultura figurativa europea, ma rivelano anche la particolare esperienza creativa del pittore, nata dall’incontro di un intellettuale piemontese di cultura ebraica ed europea, antifascista, medico, pittore e scrittore, con l’arcaico mondo contadino della Lucania.

Un universo con cui Carlo Levi venne a contatto nel 1935, allorché venne costretto dal regime fascista a trascorrere un anno di confino nel comune di Aliano (in provincia di Matera). Da quella tormentata vicenda nacque in seguito il libro “Cristo si è fermato a Eboli”, l’opera letteraria più nota di Carlo Levi.
Non a caso le opere esposte a Fiano Romano testimoniano l’intensa partecipazione dell’artista ai fatti sociali, insieme con l’amore per gli altri e per la natura, e la capacità di sublime distacco da essi nel momento creativo.

Il catalogo edito da De Angelis Editore è corredato da testi di Ettore de Conciliis, Guido Sacerdoti, Gigliola De Donato, Marina Pizziolo, Valerio Rivosecchi, Filippo La Porta, Maurizio Marini e Rocco Falciano. Testimonianze e scritti pubblicati per la prima volta, che partecipano della crescente attenzione che tutta l’opera pittorica e letteraria di Levi sta suscitando negli ultimi tempi in Italia e all’estero.

Scheda tecnica

  • “Carlo Levi, Pitture del confino e ritratti’’
    fino al 30 luglio 2006
  • Studio-Museo, Raccolta Ettore de Conciliis
    Fiano Romano (Roma), Via Santa Maria
  • Orario di apertura:
    sab-dom, ore 10.30-13 e 16.30-19.30 (altri giorni su appuntamento)
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Catalogo:
    De Angelis Editore
  • Info:
    Tel. (+39) 0765389305 - (+39) 338 6226297

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 01/03/2008

CARLO LEVI A ROMA. Il respiro della città

Il Casino dei Principi di Villa Torlonia prosegue il suo eccezionale racconto dell’arte romana tra gli anni ’20 e gli anni ’50 con la mostra "Carlo Levi e Roma. Il respiro della città” (fino al 15 giugno 2008). In un percorso che raccoglie 46 dipinti di Carlo Levi (dal 1926 al 1954) e 28...

a cura di Redazione, il 27/02/2008

Levi, Carlo

Carlo Levi nasce a Torino il 29 novembre 1902, figlio di Ercole Levi e di Annetta Treves, sorella del leader socialista Claudio. Studia al liceo Alfieri di Torino, frequentato in quegli stessi anni da Leone Ginzburg, Massimo Mila, Giulio Einaudi, Giaime Pintor e Cesare Pavese. Studia poi medic...