Mostre online » Il “realismo esistenziale” di ALBERTO SUGHI

Alberto Sughi, “La passeggiata”, Olio su tela, 200x170 cm, 1991

Il “realismo esistenziale” di ALBERTO SUGHI

La nuova mostra online di Artelab è dedicata ad uno dei più grandi nomi del contemporaneo italiano, l’artista che nel mezzo del dibattito tra astratti e figurativi del secondo dopoguerra scelse la strada di un realismo quotidiano senza eroi e lontano da ogni tentazione sociale

a cura di Redazione, il 26/09/2008

Alberto Sughi nasce a Cesena nel 1928. Pittore autodidatta, Sughi divenne, dopo varie esperienze formative, uno dei maggiori artisti italiani della generazione che esordì agli inizi degli anni Cinquanta, scegliendo decisamente la strada del realismo, nell’ambito del dibattito tra astratti e figurativi dell’immediato dopoguerra. Sin dai primi anni i dipinti di Sughi rifuggono, tuttavia, ogni tentazione sociale per mettere in scena momenti di vita quotidiana senza eroi tanto da permettere a Enrico Crispolti nel 1956 di utilizzare per lui la definizione “realismo esistenziale”.

I cicli tematici di Sughi come una lunga sequenza cinematografica

La sua ricerca procede, in modo quasi costante, per cicli tematici, che hanno il sapore della sequenza cinematografica. Prima le cosiddette “pitture verdi”, dedicate al rapporto fra uomo e natura (1971-1973); poi, il ciclo “La cena” (1975-1976); agli inizi degli anni Ottanta appartengono i venti dipinti e i quindici studi di “Immaginazione e memoria della famiglia”; dal 1985 è in corso la serie “La sera o della riflessione”. L’ultima serie di grandi dipinti, esposta nel 2000, è intitolata “Notturno”.

Gallery / 1

Alberto Sughi, “La Terrazza”, Olio su tela, 170x200 cm, 1992

Alberto Sughi, “Addio alla casa rossa”, Olio su tela, 140x140 cm, 1992

Alberto Sughi, “La partita”, Olio su tela, 200x235 cm, 1994

Alberto Sughi, “Andare dove?”, Olio su tela, 150x200 cm, 1991

Alberto Sughi, “La passeggiata nel parco”, Olio su tela, 140x140 cm, 1991

La partecipazione alle grandi rassegne e gli omaggi di musei italiani ed esteri

Sughi ha partecipato a tutte le più importanti rassegne d’arte contemporanea, dalla Biennale Internazionale d’Arte di Venezia alla Quadriennale di Roma, e a varie mostre, che hanno proposto all’estero le vicende dell’arte italiana degli anni Settanta a oggi. Musei italiani e stranieri gli hanno dedicato ampie rassegne antologiche; tra esse spiccano la Galleria d’Arte Moderna di Bologna (1977), la Galleria del Maneggio di Mosca (1978), il Museo di Castel Sant’Angelo di Roma, il Museo delle Belle Arti di Budapest e la Galleria Nazionale di Praga (1986), la Galleria Civica d’Arte Moderna di Ferrara (1988), la Casa Masaccio a San Giovanni Valdarno (1990), il Museo d’Arte Assis Chateaubriand a San Paolo del Brasile (1994) e il Museo Civico di San Sepolcro (2003).

La presidenza dell’Ente Quadriennale Nazionale d’Arte di Roma

L’artista ha partecipato al ciclo di mostre “La ricerca dell’identità” a Cagliari, Palermo e Ascoli Piceno (2003-2004) e alla mostra “Il Male. Esercizi di pittura crudele” alla Palazzina di Caccia di Stupinigi, Torino (2005). Nel 1994, Sughi ha ricoperto la carica di Presidente dell’Ente Quadriennale Nazionale d’Arte di Roma. Sempre nel 2005 ha partecipato alla mostra “Il ritratto interiore” tenutasi al Museo Archeologico Regionale di Aosta. Il CSAC e l’Università di Parma gli hanno dedicato una grande mostra nel Salone delle Scuderie in Pilotta a Parma (2005-2006).

Gallery / 2

Alberto Sughi, “La passeggiata”, Olio su tela, 200x170 cm, 1991

Alberto Sughi, “Andare dove?: l’uomo con le valigie” (Collezione CSAC), Olio su tela, 160x160 cm, 1992

Alberto Sughi, “Andare dove?”, Olio su tela, 140x140 cm, 1991

Alberto Sughi, “Andare dove?”, Olio su tela, 140x140 cm, 1991

Alberto Sughi, “Passaggio”, Olio su tela, 80x100 cm, 1992

Le antologiche curate da Vittorio Sgarbi e Arturo Carlo Quintavalle

Nel marzo del 2007 nella storica Biblioteca Malatestiana di Cesena è stata allestita una mostra antologica curata da Vittorio Sgarbi con circa cinquanta opere. Nel luglio dello stesso anno il Complesso del Vittoriano a Roma ha ospitato la più completa mostra antologica dedicata a Sughi, curata da Arturo Carlo Quintavalle, con circa ottanta dipinti e una sessantina di disegni realizzati dal 1946 ad oggi.

Sughi e la crisi delle ideologie

Per concludere, proponiamo ai lettori due testi firmati da Alberto Sughi e Arturo Carlo Quintavalle. Nel primo, l’artista descrive la genesi e il significato delle opere appartenenti ad uno dei suoi cicli pittorici più recenti, realizzato nel periodo immediatamente successivo alla caduta del Muro di Berlino. A seguire, il grande storico e critico d’arte riflette sul tema di fondo di questo particolare esito dell’arte di Alberto Sughi, ovvero la crisi degli intellettuali dopo la fine dell’Unione Sovietica e delle sue mitologie, e, più in generale, la crisi di ogni ideologia.

Per tutte le immagini:
Copyright Alberto Sughi by SIAE

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

di Angelo Pinti, il 20/03/2007

Alberto Sughi, un'antologica alla Biblioteca Malatestiana

Una grande mostra antologica di Alberto Sughi, curata da Vittorio Sgarbi, inaugurerà venerdì 23 marzo la nuova galleria espositiva della Biblioteca Malatestiana di Cesena, prima realizzazione del progetto “Grande Malatestiana” che prevede un nuovo assetto museale per il prestigioso istituto. ...

di Angelo Pinti, il 27/12/2006

Alberto Sughi: le riflessioni di un pittore

In attesa della prossima mostra monografica dedicata all’arte di Alberto Sughi e recentemente presentata da Vittorio Sgarbi, assessore alla cultura del comune di Milano e curatore dell’esposizione (che inaugurerà il prossimo 23 marzo alla biblioteca malatestiana di Cesena e proseguirà fino al ...

di Angelo Pinti, il 01/07/2006

Tornano on-line i blog su Alberto Sughi

Pare che in Giappone l’argomento sia più dibattuto dei mondiali di calcio. Lo scandalo che ha messo a rumore il mondo dell’arte contemporanea nelle ultime settimane, e che vede Alberto Sughi vittima di ripetuti plagi da parte del pittore giapponese Yoshihiko Wada, è ancora sulla bocca di addet...

a cura di Redazione, il 01/07/2006

Sughi, storia di un artista e del suo segno

Il testo che segue è un estratto dell’intervista di Sergio Zavoli ad Alberto Sughi realizzata nell’aprile 2006 e pubblicata nel catalogo della mostra “Il Segno e l’Immagine”, ospitata fino al 21 maggio scorso alla Galleria d’Arte Comunale Moderna di Arezzo. ...

di Angelo Pinti, il 01/07/2006

Alberto Sughi: testimone dei nostri tempi e artista universale

Avvicinarsi all’arte di Alberto Sughi attraverso un paragone con i suoi colleghi contemporanei è scelta comprensibile, ma destinata ad avere esiti solo parziali, tanto sono personali le scelte artistiche del grande pittore cesenate. ...

a cura di Redazione, il 03/06/2006

Alberto Sughi plagiato da Yoshihiko Wada?

Il mondo dell’arte è messo a rumore, in questi giorni, da uno scandalo che coinvolge in veste di probabile vittima il pittore italiano Alberto Sughi, maestro del cosiddetto “realismo esistenziale”. ...

a cura di Redazione, il 30/05/2006

Sergio Zavoli: tre interviste ad Alberto Sughi

«Le nostre strade, pur attraverso percorsi accidentati in maniera diversa, ci portavano a misurarci con alcune centralità della vita che sono il grande problema irrisolto della nostra generazione”. ...

a cura di Redazione, il 12/04/2006

IL SEGNO E L'IMMAGINE. La nuova sfida di Alberto Sughi

Un viaggio nella precarietà umana post-11 settembre: saranno esposti a partire dal 14 aprile presso la Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea di Arezzo 59 opere inedite di Alberto Sughi, il maestro del “realismo esistenziale”. ...