Mostre » Gabriele Corni. ADOPERABILI - USABLE

Gabriele Corni, “Adoperabile”, Still life, cm 110x110; stampa a getto d'inchiostro su carta cotone

Gabriele Corni. ADOPERABILI - USABLE

A Bologna un’inquietante mostra fotografica avente per soggetto bambole sessuali in silicone ispirate al prodotto della “Doll Story”

a cura di Bernd Noack, il 16/09/2009

In anteprima per la galleria Oltre Dimore di Bologna, il giovane artista felsineo Gabriele Corni presenta un ciclo di 16 opere fotografiche che ruotano intorno alla figura della bambola intesa quale gioco sessuale e rituale erotico di massa, ispirandosi all’iperrealistico prodotto della “Doll Story”. La mostra, intitolata “Adoperabili - Usable”, inaugura venerdì 18 settembre e resterà aperta al pubblico fino al 31 ottobre.

Una perfezione che incute timore e innesca il sottile meccanismo del voyeurismo

Entrando in galleria il pubblico avrà a tratti l’impressione di trovarsi di fronte ad una vetrina di un lussuoso negozio, in grado di offrire un prodotto impeccabile, perfetto e subito pronto per l’uso, adoperabile per l’appunto. Il comune denominatore dei soggetti rappresentati è proprio la perfezione, che incute timore ma allo stesso tempo attira l’attenzione e innesca il sottile meccanismo del voyeurismo, il solo modo possibile per entrare a diretto contatto con queste figure algide, ambigue e impeccabili.

Gabriele Corni, “Adoperabile”, Still life, cm 110x110; stampa a getto d'inchiostro su carta cotone

Due diversi volti dello stesso stereotipo sessuale che riduce la donna a corpo-oggetto

Le protagoniste di questa nuova serie di opere di Gabriele Corni sono due tipi ben precisi di bambole sessuali in silicone: la provocante, avvolgente e levigata, che si pone accogliendo, quasi con sicurezza, l’osservatore, e l’infantile figura androgina che si presenta più contratta, chiusa e tesa, in una posizione di inferiorità e sottomissione. Volti dello stesso stereotipo sessuale che riduce il ruolo della donna contemporanea a mero corpo-oggetto, avente come precisa e unica funzione proprio quella di soddisfare in tutto e per tutto il proprio referente maschile.

L’osservatore posto di fronte a domande di natura personale, sociale, morale, etica

Queste geishe indossano una maschera sofisticatissima di trucco nei toni del bianco, del rosso e del nero, diventando a tutti gli effetti soggetti teatrali che sottolineano il confine e il limite tra il proprio volto e il mondo esterno. Nelle posizioni frontali Corni ottiene effetti ieratici, come se fosse la stessa mitica Sfinge a essere raffigurata.
In altre immagini, al contrario, lo stato di attesa prende il sopravvento e diventa momento di sospensione psicologica.

Gabriele Corni, “Adoperabile”, Still life, cm 110x110; stampa a getto d'inchiostro su carta cotone

L’essere in bilico tra sensuale ed erotico, tra reale ed immaginato, pone ogni osservatore di fronte a domande di grande attualità, di natura personale, sociale, morale, etica.
All’origine, i meccanismi dell’ossessione verso ideali estetici irraggiungibili, nuove esigenze di perfezione e nuove conseguenti debolezze, come l'incapacità relazionale e la necessità di “risolvere” tutto senza investimenti personali e senza attese. Un mondo del presente che vede nell'utilizzo di androidi una soluzione alle proprie urgenze e un paese, il Giappone, che ha già realizzato questo scenario ibrido tra realtà e finzione.

Fotografia e pittura digitale: la tecnica impiegata

Le fotografie di Gabriele Corni sono altamente raffinate e iperrealiste.
Il mezzo fotografico unito alla pittura digitale attuano un gioco sottile: confondono l’osservatore in una luce irreale che ben aderisce all’ambiguità di fondo dei soggetti ritratti. Precisi dettagli anatomici spostano l’attenzione sul carattere umano delle bambole, confondendo il fruitore e spingendolo a un’osservazione quasi maniacale delle singole parti anatomiche, scambiando le maschere in volti e la pelle in porcellana.

L’assenza emotiva che pone queste “donne” lontano dallo sguardo e dal giudizio

Gabriele Corni, “Adoperabile”, Still life, cm 110x160; stampa a getto d'inchiostro su carta cotone

L’immagine finale, ottenuta da una originaria qualità fotografica digitale ad altissima definizione e successivamente trattata attraverso una serie di interventi affidati a Giulio Giuseppe Pedaci, esperto di post produzione, porta queste donne impeccabili a diventare suppellettili a tutti gli effetti, raffinate maioliche apparentemente delicate; il loro riscatto consiste nella palese assenza emotiva che le pone altrove, distanti dallo sguardo e dal giudizio di chi le guarda e le usa.
Protette proprio dalla stessa impotenza che le ha generate, “Le adoperabili” di Gabriele Corni subiscono un processo di riqualificazione, grazie alla perfezione estetica che le trasforma in muse totemiche ed esseri ultraterreni.

    Scheda Tecnica

  • Gabriele Corni. “Adoperabili - Usable”
    dal 18 settembre al 31 ottobre 2009
    Inaugurazione: venerdì 18 settembre, ore 18
  • Oltre Dimore
    Bologna, Via Massimo d'Azeglio 35/
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 11-13 e 17-19.30
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Oltre Dimore
    Tel e Fax (+39) 051 331217
    info@oltredimore.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader