Eventi » ACHTUNG! ACHTUNG!

Opera di Davide Orlandi Dormino

ACHTUNG! ACHTUNG!

All’Ex GIL di Roma, 22 artisti per testimoniare la condivisione universale del dramma dell’Olocausto

a cura di Angelo Pinti, il 13/01/2011

Sei milioni di ebrei. E poi i disabili, gli omosessuali, gli oppositori politici, i rom e altre vittime innocenti. Un numero immane di volti, storie e sentimenti orribilmente calpestati dal sistematico sterminio compiuto dalla Germania nazista nel corso della seconda guerra mondiale. Per rendere oggettiva la condivisione universale e sociale del dramma dell’Olocausto, 22 artisti contemporanei hanno contribuito con le loro opere alla realizzazione della mostra collettiva “Acthung! Achtung!”, organizzata dalla Glocal Project Consulting e curata da Micol Di Veroli e Barbara Collevecchio, in programma allo spazio Ex GIL di Roma (l’ex sede della Gioventù Italiana del Littorio) per due settimane a partire da oggi, giovedì 13 gennaio.

La chiusura della mostra nel “Giorno della Memoria”

La data di chiusura dell’esposizione, giovedì 27, non è casuale, in quanto proprio il 27 gennaio del 1945 vennero abbatti i cancelli di Auschwitz, e quello stesso giorno dell’anno è oggi riconosciuto dalla Repubblica italiana come “Giorno della Memoria”, in ricordo della Shoah, dello sterminio del popolo ebraico e di tutte le vittime del nazionalsocialismo e del fascismo. Perché Olocausto e genocidio sono simboli dell’odio che potrebbero manifestarsi anche nella nostra pacifica realtà contemporanea, e ricordare significa contribuire a far sì che quella barbarie non accada più.

Il percorso espositivo strutturato come un percorso emozionale

Opera di Franko B.

La memoria non è solamente il punto nevralgico del nostro tessuto emozionale, essa è altresì un indispensabile strumento di confronto storico e culturale, una piattaforma solida dove gettare le fondamenta della futura vita sociale, evitando il ripetersi degli errori del passato. Arte e memoria sono da sempre in stretto contatto fra loro, questo poiché il potenziale visivo delle pratiche creative rappresenta un mezzo di comunicazione assai più diretto del verbo e della parola scritta.
La mostra “Achtung! Achtung!” permetterà al pubblico di ammirare le opere di artisti nazionali e internazionali ed avrà una fondamentale funzione didattica poiché sarà strutturata come una sorta di percorso emozionale attraverso momenti di alienazione, prigionia ed odio razziale per terminare in un'apertura verso la speranza di pace e la promessa di un mondo migliore, il tutto mediante la forza universale dell'arte.

Lo spazio Ex Gil di Luigi Moretti

Contenitore ideale di un futuro libero, pacifico e possibile è lo spazio Ex Gil di Luigi Moretti, una delle più importanti opere architettoniche moderne della capitale, nato come sede della Gioventù Italiana del Littorio ed oggetto di un recente restauro portato a termine dalla Regione Lazio che ha conservato lo splendore architettonico dell'edificio, tramutandolo in una sede aperta allo scambio culturale, artistico e sociale.

“Achtung! Achtung!”: gli artisti in mostra

Andrea Aquilanti, Zaelia Bishop, Stefania Fabrizi, Davide Orlandi Dormino, Michelangelo Pistoletto, Fernanda Veron, Pietro Ruffo, Emanuele Napolitano & Francesco Petricca, Davide Sebastian, Daniele Jost, Edoardo Aruta, Matteo Basilè, Franko B., Andrei Molodkin, Claudia Zicari, Silvia Giambrone, Simone Cametti, Gaia Scaramella, Mauro Di Silvestre, Boaz Arad e Roxy in the box.

    Scheda Tecnica

  • Achtung! Achtung! Mostra collettiva
    dal 13 al 27 gennaio 2011
    Inaugurazione: giovedì 13 gennaio, ore 18.30
  • Curatori:
    Barbara Collevecchio, Micol Di Veroli
  • Ex Gil
    Roma, largo Ascianghi 5
  • Orario di apertura:
    lun-sab, ore 10-19.30
  • Info:
  • Organizzazione:
    Glocal Project Consultinginfo@glocalproject.com

    Sponsor tecnico:
    Little Queen - B&B e Suites a Roma

    Patrocini:
    Regione Lazio - Assessorato alla cultura, arte e sport, Comunità ebraica di Roma

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader