Mostre » ROBERTO CODA ZABETTA

Opera di Roberto Coda Zabetta (cm 290X380)

ROBERTO CODA ZABETTA

Al Palazzo delle Arti Napoli i ‘Lavori Recenti’ del celebre artista biellese

a cura di Bernd Noack, il 01/04/2011

Curata da Maria Savarese, Igor Zanti e Claudio Composti, la mostra “Lavori Recenti” di Roberto Coda Zabetta (PAN | Palazzo delle Arti Napoli, 2-25 aprile 2011) è di fatto la naturale evoluzione creativa del progetto milanese ‘Nuvole Sacre ‘, ospitato lo scorso luglio al Palazzo Reale di Milano.

Gli esordi

Pittore e scultore, l’artista biellese, sin dal suo esordio sulla scena espositiva nazionale con un ciclo di lavori sui bambini morti nel genocidio in Ruanda, e con un altro sulla discriminazione razziale subita dagli albini africani, ha come oggetto della sua riflessione artistica il tema della sofferenza umana. Nei primi anni del Duemila inizia a produrre opere pittoriche di grandi dimensioni, in cui il volto umano diviene protagonista della sua ricerca, attraverso pennellate dense e materiche.

La mostra milanese

Nei lavori esposti lo scorso luglio a Milano, Coda Zabetta si confronta, invece, con la tremenda catastrofe provocata dall’esplosione della bomba atomica di Hiroshima: una riflessione sul destino degli uomini quando, attraverso l’uso ed abuso della scienza e della tecnica, tentano di valicare i limiti della propria coscienza, generando tragedie.

I ‘Lavori Recenti’ presentati al PAN

I Lavori Recenti di Coda Zabetta presentati al PAN sono la naturale evoluzione creativa del progetto presentato quest’estate a Milano. L’artista, infatti, andando oltre la riflessione sulla tragicità dell’esplosione portatrice di morte, ora si sofferma su ciò che avviene immediatamente dopo, racconta l’ immagine che resta in seguito alla scomparsa di ogni segno vitale, concentrandosi sulla visione ultima di qualsiasi racconto esistito prima della completa sparizione. Il fumo, così, si trasforma in un intenso momento meditativo, traccia visiva dell’assenza: tra il fisico e l’incorporeo, ponte energetico tra cielo e terra, ciò che è visibile dell’intangibile, immagine del trascendente.

Opera di Roberto Coda Zabetta (cm 188x31x35 )

L’idea della mostra

L’idea di questa mostra nasce proprio mentre l’artista si trovava in Indonesia, nei giorni in cui il vulcano Merapi esplodeva, liberando in cielo una nube densa. Ed è stato in quel momento che lui ha legato idealmente l’immagine dell’energia del Merapi a quella del Vesuvio, foriero di morte ed al contempo di tensione vitale.

Tra pittura e scultura

Al Palazzo delle Arti di Napoli saranno esposti quindici dipinti, smalti su tela e per la prima volta la scultura, sia di medie che di grandi dimensioni, realizzata mischiando materiali poveri, ad altri tecnologicamente più evoluti: dalla gommapiuma, all’acciaio, fino alla resina.

Il video sulla vita dell’artista

Completerà il percorso espositivo un video inedito girato da Ferdinando Vicentini Orgnani e Alessandra Minini sulla vita dell’ artista.

Il catalogo

In occasione dell’anteprima stampa sarà presentato il catalogo pubblicato da PAPARO Edizioni, con testi critici di Claudio Composti, Maria Savarese, Igor Zanti.

Le frequentazioni dello studio dell’artista Aldo Mondino

Roberto Coda Zabetta nasce a Biella nel 1975. Dopo aver frequentato per diversi anni lo studio dell’artista Aldo Mondino, inizia a partecipare a mostre e ad alcuni concorsi per giovani artisti sia in Italia che all’estero.

Il primo catalogo

IDENTITÀ ANONIME (2000) è il suo primo catalogo, dedicato ai bambini morti nel genocidio in Ruanda. Nello stesso anno vince il Premio Passaggi a Nord-Ovest organizzato dalla Fondazione Pistoletto e dal Comune di Biella.

Roberto Coda Zabetta

A Milano dal 2001

Nel 2001 si stabilisce a Milano e inizia una serie di lavori: fondamentale sarà la sua amicizia con Alberto Fiz, Marina Mojana e Luca Beatrice. Vengono pubblicati: IN CODA (2003), PPP e COLORS (entrambi 2004). Segnalato dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per la pubblicazione biografica sul dizionario Zanichelli, Roberto Coda Zabetta e' stato insignito, inoltre, di prestigiosi premi italiani: premio Arte-Fiera di Bologna, premio Giovani Artisti Miart 2003 e 2004, finalista del Premio Cairo Communications; selezionato, inoltre, per la Dena Foundation al Centre International d'Accueil et d'Echanges des Récollets di Parigi e per il BP Portrait Award 2006 di Londra.

Le mostre di Roma del 2005 e 2006

Tra il 2005 e il 2006 due importanti mostre: Palazzo Venezia e Teatro India, entrambe a Roma ed invitato alla Quadriennale a Palazzo Reale; viene pubblicato il catalogo curato da Robert C.Morgan, PSICHIC PERSONA edito da Charta.

I successi degli ultimi anni

Nell'aprile 2008 la Indonesian National Gallery gli dedica una personale, che verrà seguita da esposizioni a Singapore, Honk Kong e Beijing. Nel 2009 inaugura a Palazzo Racani Arroni durante il Festival dei Due Mondi di Spoleto; è del luglio 2010 la mostra Nuvole Sacre ospitata a Palazzo Reale di Milano con il catalogo edito dal Sole 24 Ore Cultura. Vive e lavora tra Milano, Palazzo d’Arcevia (Ancona), Singapore, Bali.

Scheda tecnica

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 21/03/2011

Coda Zabetta, Roberto

Roberto Coda Zabetta nasce a Biella nel 1975. Dopo aver frequentato per diversi anni lo studio dell’artista Aldo Mondino, inizia a partecipare a mostre e ad alcuni concorsi per giovani artisti sia in Italia che all’estero. IDENTITÀ ANONIME (2000) è il suo primo catalogo, dedicato ai bambini ...