Mostre » Guttuso e gli amici di Corrente

Renato Guttuso, Natura Morta, 1958

Guttuso e gli amici di Corrente

Da Renato Guttuso agli artisti del movimento di “Corrente”: 70 opere in mostra

a cura di David Bernacchioni, il 29/07/2011

Organizzata dalla Fondazione Terre Medicee e dal Comune di Seravezza, la mostra “Guttuso e gli amici di Corrente” intende celebrare il centenario della nascita di Renato Guttuso ( 1911) con oltre 70 opere provenienti da collezioni private, tra dipinti e lavori grafici, alcuni dei quali riproposti all’attenzione del pubblico e della critica dopo anni di oblio. L’esposizione, curata da Enrico Dei ed ospitata nelle sale del Palazzo Mediceo di Seravezza (Lu) fino al prossimo 11 settembre, presenta un nucleo centrale costituito da una serie di opere di Guttuso che vanno dagli anni ’40 agli anni ’80, mentre un’ ampia parte è dedicata ad alcuni tra i più significativi artisti del movimento di “Corrente”, (Treccani, Birolli, Sassu, Migneco, Morlotti, Vedova), con i quali l’artista aveva instaurato un sodalizio fortissimo.

Le opere di Guttuso in mostra

Tra le opere di Guttuso si può ammirare il grande dipinto del 1951 “Sogno di un guerrafondaio”, in cui il volto del protagonista è quello del Presidente Usa Eisenhower. Per questo l’artista subì un processo per offesa a capo di stato straniero. Poi si possono citare “L’uomo che fuma o ritratto del pittore Garajo” del 1961 e “Natura morta” del 1958. Un percorso espositivo dove si mette in evidenza l’attività artistica di Guttuso come straordinario testimone del nostro tempo, in grado di rappresentare con le sue opere la complessità della condizione umana con le sue sofferenze, i suoi miti, le sue passioni.

Gli artisti di “Corrente”

Ernesto Treccani, Alegeria, 1950

Poi, per meglio comprendere i rapporti e i temi culturali, politici e sociali che hanno coinvolto l’artista nel suo lungo e infaticabile percorso, c’è l’ampia sezione della mostra dedicata ai suoi amici artisti più cari, appunto, quelli di “Corrente” che negli anni della lotta al regime fascista furono sensibili alle sollecitazioni europee come apertura necessaria al rinnovamento dell’arte italiana. Tra le opere esposte “Piazzale Loreto” di Giuseppe Migneco del 1944 e “Cristo nei Getsemani (interpretazione da Tintoretto)” di Vedova del 1942. Nello stesso anno Guttuso dipinse la “Crocifissione”, con la quale vinse il Premio Bergamo, una grande tela che scatenò polemiche, specialmente dal versante religioso.

Nelle mostre promosse da “Corrente”, in qualche occasione, furono esposte anche alcune proposte dal tema religioso, dove spesso era rappresentata la passione del Cristo, in chiave di denuncia alle violenze e alla guerra. E non a caso in questa rassegna è presente un quadro poco noto di Treccani, “Algeria” del 1950, una pagina espressiva della storia drammatica della rivolta intrapresa dai popoli soggetti alla dominazione coloniale.

Le parole del curatore Enrico Dei

«Realizzare a Seravezza una mostra su Renato Guttuso è stato un grosso ma siamo in grado di offrire il giusto tributo alla carriera e all’arco creativo indiscusso dell’artista siciliano, come uno dei migliori interpreti della tradizione dell’arte italiana e internazionale che lo ha reso celebre e apprezzato in tutto il mondo».

Chi sostiene l’iniziativa

La mostra ha ricevuto i patrocini della Regione Toscana e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed è stata realizzata anche con il sostegno della Provincia di Lucca, della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Banca della Versilia, Lunigiana e Garfagnana.

Scheda tecnica

  • Guttuso e gli amici di Corrente
    fino all’11 settembre 2011
  • Curatore:
    Enrico Dei
  • Palazzo Mediceo di Seravezza
    Seravezza (Lu), via del Palazzo 358
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni, ore 10-12.30 e 17-24
  • Biglietti:
    Intero € 5; ridotto € 3
  • Comitato scientifico:
    Presidente Mauro Pratesi
    Enrico Dei
    Giuseppe di Natale
    Francesca Marini
    Gioela Massagli
  • Catalogo:
    Pacini Editore (Ospedaletto Pisa) con testi critici di Mauro Pratesi, Giuseppe Di Natale e Gioela Massagli e con tutte le opere illustrate e le loro caratteristiche tecniche
  • Ufficio Stampa:
    ILogo, Prato
    press@ilogo.it
    www.ilogo.it
  • Info:
    Tel. (+39) 0584 757443
    info@terremedicee.it
    www.terremedicee.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 02/01/2008

Guttuso, Renato

Renato Guttuso (Bagheria, 1912 - Roma 1987), dopo aver compiuto gli studi classici, frequenta a Palermo la bottega di un pittore di carretti siciliani. All’inizio degli anni Trenta vive tra la capitale, dove entra in contatto con i pittori della Scuola Romana e Milano, dove tra l’altro espone ...