Eventi » I 110 finalisti del Premio Arte Laguna

Ira Upin, Zero Gravity, 2010, olio su tavola, 36x36cm

I 110 finalisti del Premio Arte Laguna

Il 22 marzo saranno annunciati i nomi dei cinque vincitori assoluti

a cura di Redazione, il 14/03/2014

La giuria internazionale dell’ ottavo Premio Arte Laguna ha nominato i 110 finalisti che dal 22 marzo al 6 aprile vedranno esposte le proprie opere presso l’Arsenale, il Telecom Italia Future Centre e l’Istituto Romeno di Venezia.

Sabato 22 marzo annunciati i cinque vincitori assoluti

Sabato 22 marzo, saranno annunciati i cinque vincitori assoluti, uno per ogni categoria (pittura, scultura e installazione, fotografia, video arte e performance, arte virtuale), che si aggiudicheranno un premio in denaro del valore di 7.000 euro ciascuno.

I premi speciali

Saranno inoltre resi noti i nomi di coloro a cui saranno assegnati i premi speciali: la partecipazione alle residenze d’arte a Milano, Norimberga, Venezia, Vicenza, Ptuj (Slovenia) e Mumbai, le mostre personali presso le 4 selezionatissime gallerie internazionali che fanno parte del circuito del Premio, il Premio Business for Art che prevede la collaborazione con aziende che investono in arte, e il premio “Innovative Interactive Tour on Telecom Italia’s Future Centre” di Telecom Italia.
L’ammontare complessivo dei premi messi in palio è di 180.000 euro.

Artisti provenienti da tutti e 5 i continenti

Gli artisti finalisti hanno un’età compresa tra i 21 e i 67 anni (età media di circa 28 anni) e provengono da 38 Paesi del mondo di tutti i 5 continenti.

Tutti i nomi

Sezione Pittura: Katja Angeli (Denmark); Alfonso Beleño Contreras (Colombia); Flavio Biagi (Italy, San Pietro in Casale BO); Anna Bittersohl (Germany); Houssam Bokeili (Lebanon); Alessandro Calabrese Italy, Battipaglia SA; Ana Calzavara (Brazil); Anna Caruso (Italy, Milano); Andrea Casciu (Italy, Sanluri, CA); Francesco Casolari (Italy, Bologna); Sérgio Costa (Mozambique); Bianca De Gier (The Netherlands); Wenxing Ding (China); Elodie Lemerle, (France); Angela Geary (United Kingdom); Mito Gegic (Slovenia); Karl Grausgruber (Austria); Wei He (China); Gerhard Hotter (Germany); Tien-Yu Hung (Taiwan); Mark Jameson (United Kingdom); Serge Mironov (Russia); Prince Negatif (Poland); Artur Przebindowski (Poland); Giulia Raponi (Italy, Roma); Regina Helou (Brazil); Johanna Strobel (Germany); Ira Upin (USA); Han Wang (China); Laurence Wood (United Kingdom).

Sezione Fotografia: Andrea Alessio (Italy, Venezia); Judi Altman (USA); Catherine Balet (France); Aldo Berardi (Itay, Cosenza); Len Bernstein (USA); Jean-Claude Bise (Switzerland); Dina Bova (Russia); Victoria Campillo (Spain); Alberto Cob (Spain); Daniele Corsini (Italy, Bologna); Linda de' Nobili (Italy, Pavia); Mariangela Della Notte (Italy, Pistoia); Antonio Di Canito (Italy, Monza); Marie Valerie Habsburg-Lothringen (Austria); Hajime Kimura (Japan); Henning Kreitel (Germany); Gevis Lekiqi (Albania); Mafe Gracia (Perú); Marco Marassi (Italy, Roma); Darrell Marriott (UK); May San Alberto (Spain); Henriette Mørdrup (Denmark); Federico Naef (Switzerland); Nola Ka (France); Takako Okada (Japan); Simona Poncia (Italy, Viterbo); Petr Rakhmanov (Russia); Falmouth Rose Anna (USA); Gabriela Torres Ruiz (Mexico); Jan Van Breugel (The Netherlands).

Sezione Scultura/Installazione: Vera Angelico (Brazil); Antonio Lima (Brazil); Francesco Ardini (Italy, Padova); Artus (Hungary); Josef Baier (Austria); Javier Balmaseda (Cuba); Kurt Baumann (Switzerland); Jaroslaw Bogucki (Poland); Pedro Bustamante (Spain); Elaine Byrne (Ireland); Roberto Cambi (Italy, Cassano Magnago VA); Marco Cervigni (Italiy, Carpi); Guilherme Cunha (Brazil); Christoph Faulhaber (Germany); Federica Ferri (Italy, Treviglio, BG); Heribert Friedl (Austria); Viktor Fuček (Slovakia); Barbara Guttman (Croatia); Ivana Hejdukova (Czech Republic); Gongsan Kim (Korea); Andrej Koruza (Slovenia); Max Coppeta (Italy, Sarno); Ralph Nauta and Gordijn Lonneke (United Kingdom - The Netherlands); Adam Niklewicz (Poland); Koko Noguchi (Japan); Kinga Ogorek (Poland); Ojas Michele Azzaro (Italy, Milan); Gianluca Quaglia (Italy, Magenta MI); Gloria Yip (Hong Kong); Farniyaz Zaker (Iran).

Javier Balmaseda, Fixed in contemporaneity, 2013, horses, hydraulic jacks, Iron, Wood, 400x400x180 cm

Sezione Performance: Katharina Ernst (Austria); Anna Jochymek (Poland); Matteo Maffesanti e Tiziana Bolfe Briaschi (Italy, Isola della Scala VR); Graziano Meneghin (Italy, Sacile, PN); RichterMeyerMarx (Germany).

Sezione Video Arte: Apiyo Amolo (Kenya); Barbara Ceriani Basilico e Alessandro Mancassola (Italy, Saronno VA – Chiampo VI); Anupong Charoenmitr (Thailand); Volkan Kiziltunç (Turkey); Phira Kulthanakan (Thailand); Tamar Hirschfeld (Israel); Shahar Marcus (Israel); Philippos Kappa Athens (Greece); Jessie Stead (USA); Maria Zervos (Greece).

Sezione Arte Virtuale e Digitale: Alessio Chierico (Italy, Perugia); Constant Dullaart (The Netherland); Émilie Brout & Maxime Marion (France); Benjamin Grosser (United States); IOCOSE (Italy); Esmeralda Kosmatopoulos and Jean-Baptiste Michel (Greece - France); Inhye Lee (Korea); Bing-Hua Tsai (Taiwan).

Special Selection Under 25: Kristi Beisecker (United States); Pietro Biondo (Italy, Solofra AV); Martina Bovo (Italy, Rome); Da Eun Chung (Republic of Korea); Song Chung (Republic of Korea); Marco Corridoni (Italy, San Severino Marche MC); Eracle Dartizio (Italy, Vaprio d’Adda); Kana Doi (Japan); Olì Bonzanigo (Italy, Milan); ); Elías Peña Salvador (Madrid, Spain); Stefano Rauzi (Italy, Lecco); Francesco Romeo (Italy, Fucecchio FI); Youri Visser-Bénazeraf (France); Katarzyna Woźniak (Poland).

La giuria internazionale

I 110 finalisti sono stati scelti da una giuria internazionale composta da direttori di musei e fondazioni, curatori indipendenti, e presieduta da Igor Zanti, direttore dello IED di Venezia e curatore: Enrico Bettinello, Italia, direttore Teatro Fondamenta Nuove; Silvia Ferri de Lazara, Italia, direttore Fondazione March; Victoria Lu, Cina, direttore creativo Museo Arte Contemporanea di Taiwan; Domenico Quaranta, Italia, critico e curatore, Veeranganakumari Solanki, India, curatore indipendente e art writer; Miguel Amado, Portogallo, curatore padiglione Portogallo 55. Biennale di Venezia; Sabrina Van Der Ley, Norvegia, dipartimento arte contemporanea Nasjonalmuseet di Oslo; Andrea Viliani, Italia, direttore Museo MADRE di Napoli; Jonathan Watkins, Regno Unito, direttore Ikon Gallery; Claudia Zanfi, Italia, storica dell’arte e promotrice culturale.

Scheda tecnica

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader