Mostre » A COSA SERVE L'UTOPIA

Mladen Stilinović, Sale of Dictatorship, 1977-2000. Stampa a getto d’inchiostro, 18 x 28 cm. © l’artista. Courtesy Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

A COSA SERVE L'UTOPIA

Mostra inserita nell’ambito dell’edizione 2018 del festival Fotografia Europea in programma a Modena

a cura di Redazione, il 29/03/2018

Inaugura venerdì 27 aprile 2018 alle ore 18 la mostra A cosa serve l’utopia, a cura di Chiara Dall’Olio e Daniele De Luigi, prodotta da Fondazione Modena Arti Visive nell’ambito dell’edizione 2018 del festival Fotografia Europea dedicato al tema “RIVOLUZIONI. Ribellioni, cambiamenti, utopie.”

L’utopia è stata descritta dallo scrittore uruguaiano Eduardo Galeano come un orizzonte mai raggiungibile che si allontana da noi di tanti passi quanti ne facciamo. Chiedendosi quindi “a cosa serve l’utopia”, egli si risponde “a camminare”. Esiste una perenne tensione tra la spinta in avanti data, da una parte, dalla speranza di cambiamento, dall’azione di resistenza e dal gesto di rivolta, dall’altra, dal ripiegamento, dalla disillusione e dalla riflessione amara sulle occasioni perdute.

La mostra

La mostra esplora tale tensione attraverso una selezione di opere fotografiche e video di artisti e fotografi italiani e internazionali tra cui Mladen Stilinovic, Akram Zaatari, Yael Bartana, Daido Moriyama, Mario De Biasi e Francesco Jodice, provenienti dai patrimoni collezionistici gestiti da FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE e appartenenti alla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e al Comune di Modena/Galleria Civica, nello specifico la Raccolta della Fotografia avviata nel 1991 con la donazione della raccolta dell’artista e fotografo modenese Franco Fontana.

Da Henri Cartier-Bresson a Robert Capa

Il percorso espositivo pone le opere in dialogo con una serie di immagini scelte dagli archivi della Magnum, la prestigiosa agenzia fondata a New York e Parigi nel 1947 da Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, George Rodger e David Chim Seymour. Le fotografie, stampate su grande formato, ritraggono attraverso l’occhio di grandi fotoreporter come Abbas, Bruno Barbey, Ian Berry e Alex Majoli, momenti culminanti di rivolta divenuti iconici nell’immaginario collettivo come il Sessantotto a Parigi e Tokyo, la caduta del Muro di Berlino nel 1989, oppure il movimento per i diritti civili negli Stati Uniti e quelli di opposizione alle dittature in America Latina e in Cina.

La mostra istituisce una duplice dialettica: la ciclica alternanza di costruzione e frantumazione dell’ideale — processi di cui le icone e il loro destino sono parte integrante — tratteggia l’utopia come pratica della ribellione politica e sociale di immediato riscontro ma che, a distanza di tempo, è riletta da artisti e fotografi alla luce di ciò in cui si è trasformata. Al tempo stesso, il dialogo serrato tra immagini create per differenti scopi — le une raccontare a caldo sui media l’attualità politica, le altre riflettere a freddo su fallimenti e cambiamenti, eredità e prospettive — crea un confronto tra diverse pratiche fotografiche apparentemente contrastanti eppure profondamente connesse.

In mostra opere di:

Abbas, Bruno Barbey, Yael Bartana, Taysir Batniji, Ian Berry, Roberto Brancolini, Henri Cartier-Bresson, Mario De Biasi, Fabio Boni, Leonard Freed, Francesco Jodice, Hector Lopez, Swetlana Heger, Alejandro Hoppe, Paula Haro Poniatowska, Iosif Kiraly, Jorge Laniszewski, Alex Majoli, Filippo Minelli, Daido Moriyama, Melina Mulas, Oscar Navarro, Ulises Nilo, Luis Poirot, Mark Power, Ishmael Randall Weeks, Aldo Soligno, Chris Steele-Perkins, Mladen Stilinovič, Jinoos Taghizadeh, Angeles Torrejon, Franco Vaccari, Pedro Valtierra, Akram Zaatari, Patrick Zachmann, Zelle Asphaltkultur.

Scheda tecnica

  • A cosa serve l’utopia
    dal 28 aprile al 22 luglio 2018
    Inaugurazione:venerdì 27 aprile, ore 18
  • Curatori:
    Chiara Dall’Olio, Daniele De Luigi
  • Galleria Civica di Modena
    Sale superiori, Palazzo Santa Margherita
    Modena, Corso Canalgrande 103
  • In collaborazione con:
    Fotografia Europea, Magnum/Contrasto
  • Orario di apertura:
    mer-ven, ore 10.30-13 e 16-19
    sab, dom e festivi, ore 10.30-19
  • Biglietti:
    Intero 6 €; ridotto 4 €
    Biglietto cumulativo (più mostre della Fondazione Modena Arti Visive)
    Promozione aprile-luglio 2018: un biglietto 6 € per tutte le mostre
    A partire da settembre 2018: 3 mostre: 9 €; 4 mostre: 12 €
  • Ufficio stampa:
    Irene Guzman
    i.guzman@fmav.org
  • Info:
    Tel. (+39) 059 2032911/2032940
    www.galleriacivicadimodena.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader