Mostre » Lucia Lamacchia e Franco Raggi. Icaro, le cadute

Lucia Lamacchia. Icaro. Donna, 2020, pennarelli su carta, cm 29,7x42

Lucia Lamacchia e Franco Raggi. Icaro, le cadute

NB: la mostra è stata POSTICIPATA a data da destinarsi

a cura di Redazione, il 02/03/2020

NB: la mostra è stata POSTICIPATA a data da destinarsi

La mostra “Icaro, le cadute”, esposta presso la Galleria Francesco Zanuso dal 5 al 26 marzo, è il racconto per immagini di Lucia Lamacchia e Franco Raggi intorno al tema della caduta evocata nel metaforico viaggio di Icaro. Un connubio concettuale e iconico caratterizza le opere dei due artisti dove i soggetti che cadono, realizzati da Lucia Lamacchia, trovano luoghi simbolici sui quali atterrare nei lavori di Franco Raggi. Un parallelismo che allude al mito di Icaro sia per quanto concerne l’atto della caduta, sia nel ricordo di suo padre, Dedalo, architetto, e creatore, in questo caso, di strutture pronte ad accogliere e attenuare lo schianto.

La ricerca artistica

Lucia Lamacchia dal 2010 dedica la sua ricerca artistica allo studio del vuoto. Le figure che ritrae, persone, animali e oggetti sono rappresentati in caduta libera, in posizioni differenti, involontarie e inconsuete, con atteggiamenti di resistenza o di abbandono nei confronti della gravità. Attorno a loro, lo spazio totalmente bianco del foglio descrive il vuoto, l’assenza, che, in una sorta di gioco fra elementi contrapposti con i personaggi disegnati, assume fondamentale importanza. La selezione di opere in mostra, realizzate fra il 2018 e il 2020, presenta persone e animali; si passa da un boxeur ad una calciatrice che nel movimento atletico perdono l’equilibrio, da un bambino intento a saltare a una donna che compie un salto nel vuoto, fino a un direttore d’orchestra che a braccia aperte, nell’atto di dirigere, sprofonda in uno spazio sconosciuto. Caratterizzati da un tratto delicato e dai colori sfumati, questa serie disegni a pennarello su carta vuole essere come afferma l’artista “un’esortazione a lasciarsi andare e a godersi la caduta, nell’ottica positiva che questa sia una metamorfosi, un nuovo inizio…”.

Nella stessa direzione sono orientati i disegni di Franco Raggi, pensati come risposta alle figure cadenti di Lucia Lamacchia; paesaggi immaginari dal titolo “Luoghi organizzati per cadute improbabili” che danno vita ad ambienti adatti alle cadute, predisposti ad attutire il colpo, a salvare coloro che precipitano. L’artista inserisce in scenari naturali e desolati, scarsi di vegetazione, delle costruzioni arcaiche e irreali, tralicci, muri senza stanze e soffitti, zattere, strutture labirintiche, con al loro interno teli, cuscini, tappeti erbosi, parti morbide per alleviare l’impatto al suolo. In questi lavori ad acquerello emerge la vena ironica e paradossale, legata alla poetica di Franco Raggi che nei suoi disegni, allestimenti, scenografie e oggetti, spesso si sofferma su collegamenti tra concetti opposti come “Stabile/Instabile”, “Mobile/Immobile”, “Antico/Moderno”.
Dell’artista in mostra è inoltre presente “La Classica” (2018) una lampada in seta serigrafata, legno decorato e ottone, che riconduce nuovamente alla mitologia e simboleggia la luce, il sole verso il quale Icaro si avvicinò troppo e che fu causa della sua caduta.

Lucia Lamacchia

Lucia Lamacchia esordisce lavorando come grafica e art director per F.C.Internazionale a Milano, affiancando Roberto Carra per Oliviero Toscani. Il suo portfolio viene selezionati da Fabrica, centro di ricerca Benetton, e un suo progetto dal dipartimento in Arti e nuove tecnlogie, M-Node (NABA/Planetary-Collegium). Nel 2016 lavora per Radio24 e collabora all’allestimento di eventi per il quotidiano Il Sole 24 Ore. In occasione del Salone del Mobile 2017 cura per Ron Gilad, direttore creativo di Danese Milano-Artemide, il nuovo catalogo storico illustrato, selezionato nel 2018 da ABC Aiap Book Community, esposizione dei migliori progetti di grafica editoriale. Nello stesso anno si svolge la sua prima personale presso lo Spazio32 per la Fondazione Carispezia. Nel 2019 un suo disegno entra a far parte di UDHR Posters, progetto di esposizione itinerante dedicato alla dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Il poster è stato selezionato da Aiap per la mostra “Italian design” presso il Taiwan Design Museum in occasione di un focus sul visual design e sulla produzione grafica contemporanea italiana.

Franco Raggi. Luoghi organizzati per cadute improbabili. Luogo n. 3, 2020, acquerelli e inchiostro su carta, cm 37 x 26

Franco Raggi

Franco Raggi dal 1971 al 1976 è stato redattore di Casabella diretta da Alessandro Mendini con il quale ha fondato nel 1977 la rivista Modo di cui è stato caporedattore e direttore. Ha fatto parte dei gruppi del Radical design. Nel 1975-76 ha collaborato alla Sezione Arti visive Architettura della Biennale di Venezia; nel 1980 ha curato la Raccolta del Design per la Triennale di Milano e nel 1989 ha curato la Sezione Design nella mostra “Il futuro delle metropoli” alla XVIII Triennale; dal 1996 al 1998 ha coordinato il Dipartimento di Architettura all’Istituto Europeo di Design di Milano. Ha tenuto corsi e seminari in Italia presso Politecnico di Milano, Domus Academy e NABA; all’estero presso l’Architectural Association di Londra, Scuola d’Arti e Mestieri di Tolosa e l’istituto ENSAD di Parigi. Dal 2001 insegna Interior Design all’ISIA di Firenze. Come designer ha progettato per varie aziende tra le quali Fontana Arte, Cappellini, Poltronova, Luceplan, Barovier & Toso, Artemide, Danese e Zeus. Sue opere sono nelle collezioni del MoMA, New York, del Centre Pompidou di Parigi, del FRAC Centre di Orléans e del Museo della Triennale di Milano.

Galleria Francesco Zanuso

La Galleria Francesco Zanuso, fondata nel 2010 dall’omonimo medico e collezionista milanese con una particolare predilezione per la Scuola Romana, l’Arte Povera ed il Nouveau Realisme, prosegue nella sua fervida ricerca e nella stimolante attività espositiva con l’obiettivo di promuovere giovani artisti emergenti. Le scelte stilistiche vedono una forte attenzione rivolta alla pittura astratta e figurativa, alla fotografia, alla scultura ed al design. Situata in uno dei quartieri storici più caratteristici di Milano, la galleria rappresenta quindi un importante punto di riferimento per i collezionisti interessati alla produzione artistica contemporanea internazionale.

Scheda tecnica

  • NB: la mostra è stata POSTICIPATA a data da destinarsi
  • Icaro, le cadute. Lucia Lamacchia e Franco Raggi
    dal 5 al 26 marzo 2020
    Inaugurazione: mercoledì 4 marzo, ore 18-21
  • Galleria Francesco Zanuso
    Milano, corso di Porta Vigentina 26
  • Orario di apertura:
    lun-gio, ore 15-19; ven e altri orari visite su appuntamento
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Ufficio Stampa:
    IBC Irma Bianchi Communication
    Tel. (+39) 02 8940 4694
    info@irmabianchi.it
  • Info:
    francesco.zanuso@gmail.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader